La Spagna esprime all’ONU il suo sostegno per una soluzione “giusta” che “preveda l’autodeterminazione” del Sahara Occidentale

Il presidente del governo spagnolo, Pedro Sanchez, ha dimostrato nel suo discorso alla 73a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, il suo sostegno agli sforzi del Segretario generale delle Nazioni Unite e del suo inviato personale, Horst Köhler, per conseguire una soluzione politica giusta, duratura e reciprocamente accettabile che prevede l’autodeterminazione del Sahara occidentale “nel quadro delle norme ONU.

In particolare, il capo del governo spagnolo, Pedro Sánchez, ha applaudito il lavoro della missione di pace internazionale (Minurso) istituita nel 1991 e ha riconosciuto il “sostegno della Spagna, in linea con la tradizionale posizione spagnola, fiduciosa nel continuare a progredire per il bene della “stabilizzazione” e una “soluzione duratura” che prevede l’autodeterminazione del popolo del Sahara occidentale.
“La Spagna continuerà a sostenere gli sforzi del Segretario Generale delle Nazioni Unite e del suo inviato personale affinché le parti raggiungano una soluzione politica giusta, duratura e reciprocamente accettabile che prevede l’autodeterminazione del popolo del Sahara occidentale nell’ambito delle risoluzioni in conformità con i principi e gli scopi della Carta delle Nazioni Unite “, ha detto Sánchez.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *