La solidarietà delle Canarie con il popolo Saharawi si prepara a ricevere Sultana Jaya

Sultana Jaya è un attivista saharawi che dopo le aggressioni da parte della polizia marocchina è arrivata a Gran Canaria (Isole Canarie) lunedì per essere curata.
Dalla scorsa settimana, le notizie delle dimostrazioni che i Saharawi stavano tenendo nei territori occupati dal Marocco, sono arrivate nelle Isole Canarie; Le dimostrazioni, mobilitazioni dei Saharawi miravano a denunciare, davanti alla delegazione della Commissione europea, la violazione dei diritti umani e il saccheggio delle risorse naturali.

La risposta dell’occupante marocchino è stata la solita in questi casi, causando centinaia di feriti tra i manifestanti pacifici. Tra di loro c’era Sultana Jaya, che fu torturata e lasciata quasi priva di vita in un vicolo. Le ferite sono state così gravi che andare negli ospedali marocchini, non avrebbe offerto alcun tipo di garanzie di guarigione e non solo, in alcuni casi le “cure” da parte di medici marocchini, possono essere fatali. Per questo motivo, il Cabildo di Gran Canaria ha facilitato, lo scorso lunedì, il trasferimento di Sultana verso le isole per trattare il suo grave caso in un ospedale delle Canarie.
Circa cinquanta persone si sono riunite all’aeroporto per dare il benvenuto a Sultana, la quale, con voce debole, ha ribadito la sua determinazione a tornare a far valere i suoi diritti e quelli del suo popolo non appena si sarà ripresa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *