CAMPI TINDOUF

Tindouf, anche Tinduf (Arabo: تندوف) è una città dell’Algeria, capoluogo della provincia omonima. È vicina a basi militari algerine, e alle zone autonome della Repubblica Democratica Araba dei Saharawi, il governo in esilio del Sahara Occidentale. Nelle zone autonome vi sono diversi campi per i rifugiati Saharawi, organizzati secondo la struttura amministrativa territoriale del Sahara Occidentale.
Tindouf sorge sull’altipiano dell’Hammada, una vasta superficie nel deserto del Sahara conosciuto storicamente come “Il giardino del diavolo”. Ha un clima ostile, in estate supera temperature di 50° con frequenti tempeste di sabbia. D’inverno, la notte si raggiungono temperature sotto lo zero, con punte di -5.
I rifugiati nella zona di Tindouf sono distribuiti in 4 accampamenti denominati wilaya: (El Aaiún, Smara, Auserd e Dakhla). Ogni wilaya è suddivisa in sei o sette dā’ira, prevalentemente costruite in tende (jaima).
Le Unità amministrative prendono il nome dalle città del territorio conteso con il Marocco. Le scuole, gli ospedali, i centri di formazione e culturali degli accampamenti sono costruzioni più solide.

Le dā’ira sono suddivise fra le quattro wilāya:

-El Aaiún: Hagunia, Amgala, Daora, Bou Craa, Edchera e Guelta Zemmur.
-Smara: Hauza, Ejdairia, Farsia, Mahbes, Bir-Lehlu, Tifariti e Mherjz.
-Auserd: Aguenit, Zug, Mijec, Bir Ganduz, Guera e Tichla.
-Dakhla: Jraifia, Argub, Umdreiga, Bojador, Glaibat el Fula, Ain Beida e Bir Enzaran.
Molte di queste dā’ira sono gemellate con città spagnole ed italiane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *