L’Eucoco mette in guardia la Commissione europea da ogni tentativo di eludere il giudizio della CGUE

BRUXELLES – Il coordinamento sostegno Conferenza europea al popolo Saharawi (EUCOCO) ha avvertito Martedì la Commissione europea contro qualsiasi manovra per aggirare la sentenza della Corte di giustizia europea (CGE), che ha concluso che gli accordi di associazione e la liberalizzazione UE-Marocco non si applica al Sahara occidentale.

In una lettera alle commissioni per gli affari esteri e al commercio internazionale del Parlamento europeo, il presidente di Eucoco, Pierre Galand, ha affermato che la Commissione europea deve “rispettare la legge europea”, “rispettare il diritto internazionale e la gente del Sahara Occidentale “.

Leggi anche:  nel 2017, la causa dei Saharawi ha raccolto molti successi nell’UE

Ha denunciato, in questo contesto, l ‘”opacità” che circonda i negoziati sui protocolli agricoli dell’accordo di associazione tra l’UE e il Marocco.

Il 29 maggio, il Consiglio dell’UE assegna mandato alla Commissione europea di rinegoziare questi protocolli tra l’UE e il Marocco a seguito di una sentenza della CGUE 21 Dicembre 2016, che ha ricordato che per il commercio non poteva applicarsi al Sahara occidentale a causa del suo status “separato e distinto” dal Marocco. Ma il contenuto di questo mandato è rimasto segreto.

Tuttavia, il presidente di Eucoco ha ritenuto che “molti indizi” suggeriscono che la Commissione europea sta tentando, insieme al Marocco, di eludere la sentenza della Corte. In altre parole, per aggirare il diritto europeo e internazionale.

“Se il testo dell’accordo rinegoziato cerca di eludere la sentenza della Corte di giustizia dell’UE, solo un modo possibile per far rispettare la legge: un nuovo ricorso dinanzi alla Corte europea. non scambiare! “, ha avvertito.

Leggi anche:  UE / Marocco: la Commissione è favorevole al nuovo protocollo di pesca dopo la scadenza dell’attuale programma di integrazione del Sahara occidentale

Secondo l’Eucoco, la Commissione europea cerca di giocare sulla confusione tra “popolazioni del territorio” e “popolo del Sahara occidentale” o tra “consultazione delle parti” e “consenso esplicito”.

“Ciò significherebbe il riconoscimento da parte dell’Unione europea dell’occupazione illegale del Sahara occidentale”, ha scritto il presidente di Eucoco nella sua lettera, deplorando che né la Commissione né il Regno del Marocco volessero includere nei negoziati , il Fronte Polisario, riconosciuto dall’ONU come rappresentante del popolo del Sahara occidentale.

“È incomprensibile che il Fronte Polisario non sia stato incluso nelle discussioni per rinegoziare l’accordo commerciale in questione”, ha affermato.

In tale contesto, l’onorevole Galand ha ricordato ai membri delle commissioni per gli affari esteri e al commercio internazionale del Parlamento europeo, che saranno chiamati a prendere una decisione sull’accordo rinegoziato tra l’UE e il Marocco, che la legge internazionale ed europea è “molto chiaro” nella domanda Saharawi.

Nella sua lettera, il presidente della Eucoco ha ricordato che l’ONU ha affermato nella sua risoluzione 3437 che il Fronte Polisario è il “rappresentante del popolo del Sahara occidentale, partecipa pienamente a qualsiasi ricerca di un mondo giusto, sostenibile e la questione del Sahara Occidentale “.

Ha inoltre sottolineato l’opinione consultiva della Corte internazionale di giustizia che afferma che non esiste alcun legame di sovranità territoriale tra il territorio del Sahara occidentale da un lato e il Regno del Marocco dall’altro.

Leggi anche:  Sahara occidentale: il giudizio della CJEU “forte e solido”, l’Europa deve contribuire alla decolonizzazione

Pierre Galand menzionato, inoltre, alcuni principi di diritto internazionale evidenziate dalla sentenza della Corte di giustizia, che ha stabilito il “popolo del Sahara Occidentale devono essere considerati come una terza parte” e che, pertanto, l’attuazione di un trattato che si applica al territorio del Sahara occidentale deve ricevere il consenso di tale terza parte.

La CGUE ha osservato che l’accordo sulla liberalizzazione dei prodotti agricoli tra l’UE e il Marocco non è stato oggetto di tale consenso.

Nella sua sentenza, la Corte di giustizia ha dichiarato, inoltre, che, dato lo stato riconosciuto territorio separato e distinto del Sahara occidentale, in base al principio di autodeterminazione, rispetto a quello di qualsiasi Stato, tra cui il Regno del Marocco i termini “territorio del Regno del Marocco” di cui all’articolo 94 dell’accordo di associazione non possono (…) essere interpretati in modo che il Sahara occidentale sia incluso nel campo di applicazione territoriale del presente accordo. accordo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *