Denuncio i crimini di guerra del Marocco nel Sahara Occidentale

Sahara occidentale è occupata illegalmente dal Marocco dal 1975. Da allora, il Regno continua a commettere crimini di guerra ripetuti: la tortura di attivisti saharawi, processi iniqui, la detenzione in territorio marocchino …

Disprezzo per la dignità dei saharawi e l’iniquità della giustizia marocchina

Privazione del sonno, dell’acqua e del cibo. Violenza sessuale profondamente umiliante. Calci e pugni su tutto il corpo. Insulti … Tutti i mezzi sono buoni per la fisicamente e psicologicamente indeboliscono i 24 attivisti saharawi arrestati durante lo smantellamento del campo di Gdeim Izik nel 2010. Lo smantellamento ha avuto luogo a violenze, morti che causano e molti feriti tra Saharawi e le forze di sicurezza. Dopo giorni di torture in carcere, 24 militanti hanno tutti finito per firmare una confessione in cui sono stati condannati da un tribunale militare nel 2013, dopo un processo gravemente iniquo. Nonostante l’appello, 19 imputati sono stati nuovamente condannati a pene pesanti nel luglio 2017, sempre sulla base delle loro confessioni forzate.

Crimini di guerra provati

Sahara occidentale è riconosciuta dalle Nazioni Unite come un territorio non autonomo è occupata illegalmente dal Marocco dal 1975. Da allora, gli Stati intensificato la colonizzazione del territorio, allegramente sfruttare le sue risorse naturali e porta un attacco al giorno sulle libertà fondamentali dei Saharawi . In quanto territorio occupato, il Sahara occidentale è governato dal diritto internazionale umanitario, altrimenti noto come legge di guerra. Torture, processi iniqui, la detenzione degli imputati nel territorio del Marocco, la potenza occupante, sono tutti gravi violazioni del diritto umanitario internazionale commesse contro i prigionieri Gdeim Izik. Impegnato da molto tempo per il rilascio dei prigionieri Saharawi,

Testo della lettera di richiesta:

Sig.ra,

Sono passati più di sette anni da quando 19 attivisti sahrawi sono stati arbitrariamente detenuti nel contesto del caso Gdeim Izik. Torturato mentre era sotto custodia della polizia per far firmare una confessione, condannato per la seconda volta dopo un processo iniquo della Corte d’appello di Rabat nel 2017, detenuto nel territorio della potenza occupante … Tante violazioni del diritto internazionale umanitario che costituisce crimini di guerra.
Queste violazioni sono perpetuate e rimangono impunite.
In questo contesto, vi chiedo di ordinare al Marocco di:
rilasciare i detenuti da Gdeim Izik o, se ci sono prove sufficienti e ammissibili che hanno commesso un reato, trattenerli e provarli nel territorio occupato;
condurre un’indagine indipendente sui crimini di guerra che hanno subito.
Nel frattempo, la prego di accettare, signora, l’espressione della mia più alta considerazione.

destinatario

Sig.ra Federica Mogherini
Alto rappresentante dell’Unione europea
per gli affari esteri e la politica di sicurezza
Commissione europea
200Rue de la Loi
BP-1049 Bruxelles
Belgio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *